domenica 17 luglio 2011

Make a wish. Combattere la nostalgia canaglia.

Quando cose di scarsissima rilevanza hanno il potere di illanguidirti le giornate di un luglio che volge in meglio, complice una brezza piacevolmente fresca e asciutta diligentemente preannunciata da tg e meteo, beh, allora sei inguaiata, perché non ne esci.
Stai lì a rivisitare momenti e immagini della tua notte più lunga e di tutto quello che è seguito, fino ad arrivare qua. Ricordi che riguardano me sola, dentro una stanza e tutto il mondo fuori na na na na na. O forse lei, sola dentro una panza?
E il beduino che non c'è, in missione a Roma, lasciandomi qui a svolgere in solitaria i compiti del week end con pupa, anche questo mi immalinconisce un po', pure se, finalmente, che bello, me ne sto un poco per i caz miei. Immalinconita.
E allora urge correre ai ripari.
Piccoli obiettivi, realizzabili con una manciata di impegno e forza di volontà.
Un desiderio la cui realizzazione dipende unicamente da me.
Ecco: vorrei fare qualcosa di bello per il primo compleanno di mia figlia.
Vorrei che lei si senta festeggiata.

Iniziamo con poco:

 
Colgo l'occasione per pubblicare questa brutta foto, così posso finalmente cestinarla.
Volevo pubblicarla qualche tempo fa, perché è una delle poche torte che saprei riprodurre a occhio e memoria, senza consultare manuali di cucina e appunti, perché è facile, e si chiama nel mio gergo "torta di Concetta", perché la ricetta me l'ha data Concetta per l'appunto, ma è una banalissima torta di mele, e allora magari è pure inutile riportarla qui, la scontatissima ricetta.

Domani ci mettiamo su una candelina  a forma di numero 1 e cantiamo tanti auguri i italiano e poi in arabo: Kulla am wa anti bichair, che metricamente non ci sta un piffero, ma pazienza.
E viene pure da Roma la mia amichetta d'oro, cosa volere di più?
E poi pupa scarterà i regali.
Che regali? Boh! Qualcosa le vorrai regalare a tua figlia per il suo primo compleanno, no?
Madre degenere che altro non sei! Lo so cosa stai pensando: ma se neanche sa che è il suo compleann...
E non appellarti a una facile etica anticonsumista, che va bene pure un calendario vecchio a lei per farsi prendere dall'entusiasmo, basta che glie lo impachetti ben bene. Eh, ma non ti provare a regalarle per davvero un calendario vecchio! Stai attenta a te.
Lunedi molli la pupa alla Master e vai a cercarle un regalo come si deve!
Come! E allora tutti i libretti che le ho comprato sabato scorso? E il set di secchiello e paletta per la spiaggia? E i gommoni/salvagenti/piscine gonfiabili come se piovesse che ha ricevuto dalle mie amiche/zie negli ultimi tempi?
No, ma quelli ormai... Non vale: deve esserci  almeno un pacchetto da scartare  quel giorno, dopo la torta.
Crea il rituale del compleanno.
Ecco cosa vorrei: creare a mia figlia il rituale del compleanno.
E il prossimo desiderio lo esprimerò per lei, mentre spegnerà la sua prima candelina, che forse lei non capirà se glie lo sussurro all'orecchio, di esprimere un desiderio mentre soffia. Lei no, che di desideri non ne ha ancora, le basta ridere quando suo padre la porta sulle spalle e le fa fare il cavallo pazzo, inseguendo la mamma per casa. Ed è felice.

Poi se riesco pure a concretizzare quella mezza idea che mi ronza per la testa della festicciola-scampagnata in luogo fresco domenica prossima, racimolando un manipolo di amici scampati all'esodo vacanziero, meglio ancora.
Ma andiamo per gradi, che devo ancora fare la torta, e non oso pensare al caldo che farà in casa dopo che avrò acceso il forno...

Mamma mia quanto la sto facendo lunga con questa storia. Non sono mai stata così in fissa per l'avvicinarsi del mio, di compleanno, nemmeno da piccola, giuro!

Desiderio espresso su invito di Owl, la mia amica blogger dal cuor di carciofo.

17 commenti:

  1. Sus pensavo proprio stamattina che il primo compleanno di Di l'anno scorso ha avuto più il sapore di una celebrazione che di un compleanno. Il pensiero andava alla notte e poi a lui vecchio di un anno tondo, e poi ancora a quella notte.... e poi bilanci come non ne ho mai fatti per il mo di compleanno!! Ma come hai detto anche tu, alla fine è un po' come essere rinate e allora mi sa che sarà per sempre il suo compleanno e il ricordo della nascite delle nuove noi. Ecco ho fatto un papiro, ma anch'io weekend in solitaria, ho avuto tempo per illanguidirmi maliconicamente!
    Grazie per il tuo desiderio e per l'"amica"!

    RispondiElimina
  2. p.s. Gli auguri domani eh1 ;-)

    RispondiElimina
  3. Arriva il compleanno della Pupa! Anch'io ci tengo che abbiano il loro, semplice "rituale di compleanno": mamma, papà, fratelli e la torta. E un regalino, eh! Ciao, Suster!

    RispondiElimina
  4. io dei miei compleanni ricordo che mia mamma, che non è mai stata brava a cucinare, faceva una di quelle torte con gli ingredienti nel cartone che devi solo unire burro e uova, di pomeriggio potevo giocare a quello che volevo, e la sera veniva la mia nonna a mangiare la torta con noi. Non ricordo regali, striscioni o la casa piena di gente, ma ricordo il calore della mia famiglia, fare tardi all'aperto a ridere, mia mamma che raccontava di quando ero nata e di quanto faceva caldo quel giorno. Era il nostro rituale.
    Sono sicura che anche tu troverai il rituale più bello per la tua pupa, iniziando da quest'anno, certo, e sono sicura che ce lo racconterai :)
    tanti auguri alla tua piccola donna!!
    giuppy

    RispondiElimina
  5. la Pupa è fortunata ad avere una mamma come te. Credo che come regalo non sia niente male...quindi impacchettati e...voilà!

    RispondiElimina
  6. Oh mio dio! Ho detto al beduino che andavo a dormire e invece mi sono collegata. Mancano 12 minuti e poi...il contatore lilypie segnerà 1!!!
    Grazie a tutte ragazze mie!
    Anche a casa nostra c'era il rituale familiare d'obbligo la sera a cena, torta, tanti auguri e regali...niente di che, ma era un modo per sentirsi festeggiati da quelli che ti volevano bene. Ora quest'ansia da prestazione spero di non portarmela appresso per i successivi anni. Mancano 8 minuti...

    RispondiElimina
  7. Che gaffe clamorosa, per trimamma, cercare di ricordare il primo regalo e, oltre a non ricordarlo, rendermi conto di aver rivolto il pensiero SOLO alla PRIMA figlia! E' vero quindi che questa data è soprattutto nostra (che loro ancora non capiscono), una tappa per celebrare -dice bene Owl- il momento del quando e il percorso del come, siamo diventate mamme!
    E visto che nel frattempo è anche cambiato giorno, vuoi dire che sono la prima a fare gli auguri alla piccola grande Pupa???
    TANTISSSSSSSSSSSIMI AUGURI, donne! :D
    (ho capito bene che è oggi???)

    RispondiElimina
  8. Che cosa augurare a Una Pupa che compie 1 anno?
    Che possa godere delle cose belle e buone che esistono attorno a lei,amandole e rispettandole.
    Che possa trovare coraggio e forza nelle difficoltà e fiducia in sè stessa e negli altri nei momenti di crisi.
    Che possa diventare punto di riferimento per la sua capacità di mettere a frutto ciò che di buono c'è in lei e ciò che di giusto vede negli altri.
    AUGURI! La sua Nonna.

    RispondiElimina
  9. ma ch emeraviglia...come ti capisco lo stress del primo compleanno e del regalo serio...un bacione e mille auguroni alla piccola peste!!!!

    RispondiElimina
  10. Auguri!!! A tutte e due voi :-D

    RispondiElimina
  11. @tri: è oggi, è oggi! la pupa festeggia con una sfuriata notturna che non si ricordava da tempi immemorabili. Che siano i famosi canini che iniziano a farsi sentire? Mah! magari si è concessa il lusso di tenere la mamma sveglia nottetempo in virtù del fatto che oggi è il suo giorno.Come l'abbia capito non so spiegarmelo: io ho fatto tutto di nascosto finora! in effetti la pupa non è ancora "nata"; bisognerà aspettare la mezzanotte meno due minuti di stanotte: ce n'è voluto di tempo! Eh, sì, come si dice: è stato un parto! Ah ah ah!

    Grazie nonna, che poi saresti mamma. Con questi auguri sarà una super pupa! Avessi invitato le tre fatine Flora Fauna e Nonlosò, non avrebbero saputo trovare doni migliori.

    @SM: decisamente hai scelto un nick troppo lungo. Un consiglio: in condizioni emotive alterate come le mie di oggi mettersi a fare due torte in contemporanea potrebbe portare a risultati curiosi, tipo che una si è quasi quasi carbonizzata e l'altra inspiegabilmente non sembra avere intenzione di solidificare...

    RispondiElimina
  12. @Debbie: non posso non commentare il tuo intervento (almeno per oggi concedetemi lo sproloquio!). Mi viene da ridere all'immagine di me che mi impacchetto per la pupa. In questi casi dovrei impachettarmi nuda, no? Ma questo non si faceva per le feste di addio al nubilato? O al limite per gli anniversari focosi... Credo che riciclerò questa tua idea per il 14° o 15° compleanno della pupa: sarà contentissima allora di ricevere un regalo simile invece del solito motorino che tutti i teenager chiedono! :D Ah ah ah! Povera lei!

    @Owl cara, grazie!Sto metabolizzando. E' vero quando si dice che è quasi una seconda nascita. I miei compleanni mi hanno sempre messo addosso un po' di malinconia, e anche oggi inspiegabilmente non mi riesce di scrollarmela di dosso, in mezzo all'euforia della torta e della candelina, che aspetta buona buona nel pensile in cucina....

    RispondiElimina
  13. Suster.. un consiglio pratico... non hai pensato di fare un bel cheese cake fresco che non ti obbliga ad accendere il forno? allo yogurt e frutti di bosco è delizioso!!!

    RispondiElimina
  14. ciao suster!Piacere di conoscerti!
    ti ho trovata tra i commenti di nora ed eccomi qui...
    Tantissimi auguri alla tua piccola!:-)
    spero tu riesca a realizzare il tuo desiderio!...credo che non sia tanto importante il regalo quanto il festeggiarla scattando tante foto che da grande potrà rivedere...io quando guardo le foto del mio primo compleanno con tutti i cuginetti della mia età e i nonni intorno a me sorridenti e felici, mi emoziono sempre!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  15. e vabbè...il nick purtroppo quello è e quello me tengo...ch'aggia fa!!!!! teso...io non ne farò neanche una di torta...penso proprio che la orinerò.....almeno per una delle 3 feste ce devo fare!!!!!sigh...

    RispondiElimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.