giovedì 17 novembre 2011

Bilanci e propositi (poco seri)

Per cominciare, molto scoraggiata. E vabbé, che magari non ho scelto proprio il momento più felice per iniziare a tenere un blog, con la pupetta che massimo massimo mi dorme 3 quarti d'ora di fila, prima di ricominciare tutta la storia, puppa, giostrina, marsupio, piantarello, pannolino...
Va be, ciuccio a parte: sono due giorni che combatto con questo dannato layout e non ne vengo a capo: ma perchè l'intestazione mi si è spiaccicata nella colonna di sinistra? E come faccio a cambiare le dimensioni alle immagini che inserisco? Il Mio blog per ora fa abbastanza schifo...
Cavolo! Per tutto ciò che riguarda il computer sono proprio una gran pippa! Sono quasi peggio di mio zio di 80 anni, che posta su facebook come un quindicenne...
Ma orsù, ne verrò a capo, prima o poi..."
Ecco, questo lo scrivevo il 6 novembre 2010. Povera sfigata, mi fai quasi pena, se non sapessi che sei me. O forse non più.

Ma ecco cosa scrivevo il 6 novembre del 2011, invece:
"Una domenica che sembra un sabato, come un qualsiasi giorno feriale, il beduino a lavoro, lei che dorme e io che improvviso un aperitivo in solitaria, un bicchiere di vino e qualche schifezza, materiale di primaria necessità per l'espletamento del mio malsano intento..."

Ok, direi che il salto di qualità c'è stato. E non sto parlando del blog. Almeno l'intestazione sono riuscita a inserirla correttamente.
No, ma dicevo in merito alla qualità della vita e dei pensieri. Almeno ora ho smesso di aggirarmi come una mosca in una stanza chiusa sempre intorno ai soliti assillanti argomenti, sbattendo su finestre invisibili di ciucci e nanne e poppate. Mi sono emancipata dalla tetta e ho recuperato una parvenza di insano edonismo autoreferenziale.
Ma perchè lo scrivo qui e ora?
Il fatto è che sarebbe passato un anno da quando ho inaugurato questo blog col mio primo post (yeaaaah!).
Sarebbe quel "Disaster blog" che qui cito.
Peccato che me ne ricordi sempre con ampio margine di ripresa, quindi ora celebrare questa data non è che abbia molto senso, direi.
E allora perchè cavolo ce lo scrivi?
Dice che a un anno di blog devi fare un giveway.
Ma chi lo dice?
Boh, dicono.
E che è un giveway?
Lasciamo perdere. E poi, non vuoi festeggiare il traguardo di 100 lettori, eh?
E le 30.000 visite?
Uhm... dovevi pensarci prima: tutte occasioni sfumate. Vecchi traguardi.

Vediamo un po' cosa potrei offrire ai miei volenterosi e fedelissimi, affezionatissimi lettori (che se tra quei 105 ne son rimasti vivi 20, credo sia già un azzardo, ma in fondo non mi formalizzo):
  • una gigantografia formato parete di Zorro in performance dormitoria;
  • lo scalpo di Panzumen;
  • una palla di vetro con la torre di Pisa che cambia colore a seconda del clima da azzurro in rosa;
  • una mela (mi guardo intorno in cerca di meglio, ma trovo solo questo di allettante in una cucina ingombra di tubetti vuoti di bolle di sapone e animali di gomma);
  • la giostrina be-be della pupa (sì, col cavolo che la dò via! ...La giostrina!);
  • la pupa (non so se sia legale, però);
  • i fantastici quaderni dei disegni  realizzati da me e pupa (o meglio da me, con la partecipazione emotiva della pupa)?
  • uhm...
  • la mia interessantissima volumetrica e isostatica tesi di laurea sul mito di Elena di Troia? Non ditemi che non la vorreste!
Basta, ci rinuncio. Non ho idee. Non so fare queste cose.
Diciamo che ci penso, e poi, magari, forse forse, qualcosa potrei buttare fuori. Qualcosa di piccino piccino picciò.
E' solo che mi dispiaceva non celebrare proprio per niente questa ricorrenza.
Dopo tutto in un anno di blog sono riuscita a fare tante cose!
Ho appuntato con dovizia di particolari i progressi della pupa da 4 a 12 mesi.
Ho collezionato una serie di auguri di compleanno da far invidia a Matusalemme.
Sono a mia volta riuscita a infilare in altrettanti post gli auguri di compleanno per ogni singolo componente del mio nucleo familiare originario (valeva la pena aprire un blog solo per questo!)
Ho compilato una lista sufficientemente esauriente di parte della genealogia dei miei gatti.
Ho coinvolto decine di innocenti nella folle impresa della mia prestigiosa rubrica settimanale.
Ho indetto un concorso fotografico a tema, di grande successo, aggiungerei!
Ho conosciuto gente virtualmente.
Ho aderito a iniziative altrui.
Ho imparato un sacco di parole nuove, tra cui post, sidebar, template, header (anche se ancora non ho ben capito il senso di quest'ultimo).
Ho fatto qualche gaffe.
Ho passato un sacco di ore al computer, e questo è male.
Ma ho ricevuto lo stimolo a coltivare con maggior entusiasmo le mie passioni, e questo è bene, forse.
Ho fatto tante foto, e ne ho pubblicate più del dovuto.
Ho scomodato un grande scrittore per commentare le immagini dei miei viaggi estivi.
Ho aggiunto pagine.
Ho addiritutra aperto un libro degli ospiti!
Ehi, ma... non ve n'eravate ancora accorti?
Forza, su, con mossa lesta: monta sopra la mia testa... Ehm! Scusate: è l'effetto della reiterazione condizionata delle filastrocche illustrate del libro di Richard Scarry della pupa (dannato Omin di Panpepato!)
Dicevo: avete lasciato un commento sul mio fantastico libro degli ospiti? No? NOOO? NOOOOOO??? (a questo punto la pupa si sciala. Mi risponde no a qualsiasi domanda io le ponga solo per vedermi fare questo teatrino).
Beh, allora che aspettate? Andate andate! Fatemi questo regalo di compli-blog. Un commento per un giveaway. E io prometto solennemente sulla polenta (che mi piace tanto, anche se non la mangio mai, non sono mica nata in Valpadana, io!) che mi inventerò un fantasticissimo giveaway susteroso.
E vi prometto che d'ora in poi bandirò da questo blog gli auguri a parenti e conoscenti, le storie delle mie tendiniti (anche se avrei parecchio da dire sul torcicollo che mi ha afflitta nell'ultima settimana) e lunghe dissertazioni sulle modalità di inserimento di un bambino al nido.
L'ho fatta troppo lunga?
Come sempre.

Dai su, brindate con me, e già che ci siete, raccontatemi dei vostri traguardi bloggistici: un bicchiere di vino mentre la pupa dorme, due crackers con quell'ottimo formaggio piemontese che ho accattato ai banchi dei prodotti regionali ieri sera, mentre aspettavo ladoratrice e il bottegaio che uscissero da Picasso... l'ho detto? Ah! L'ho detto!
Ecco, ora sì che mi sputtano.
A un anno dal blog, incontro blogger in carne e ossa!
Una cosetta così, tanto per rompere le acque... si dice così no?

16 commenti:

  1. Ho lasciato la mia firma sul libro degli ospiti.. Mi scuso per non averlo fatto prima!!!

    RispondiElimina
  2. Cin cin, cara Suster!
    Sei fantastica.

    RispondiElimina
  3. Sei meravigliosa, oggi ho
    Pensato tutto il giorno di fare un post e poi rimandavo e mi dicevo Ma noooo che la privacy di Suster poi.... Ora lo fo!


    Anche se mi hai fregato il finale ahhahhahaahaahha

    RispondiElimina
  4. Nooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!c'è stato l'incontroooooooooooooooooooooooooooooooo.....!!!!e io non c'erooooo.....sob sob!!!

    Apparte questo: buon 1 anno blog di Suster :)))

    RispondiElimina
  5. buon primo anno al tuo blog! devo dire che la metà dei blog che seguo è nata tra ottobre e novembre dell'anno scorso... chissà come mai!?
    Continua così! ;-)

    RispondiElimina
  6. @Emily: oh, che tenera! grazie per la tua dedica, sono commossa. Ma che ti scusi? Ma scherzi?

    @Mafalda: grazie grazie! Più complimenti riceveremo più elevato sarà il valore del premio in palio del mio prossimo venturo giveway (scartata la mela? scartata. Sob.)

    @ladò: fallo fallo. Ma che privacy!Se in questo Paese si dedicasse alla tutela della cultura la metà delle energie che i nostri governanti dedicano alla tutela della privacy... Io non sono contro la privacy, ma non me ne frega molto. però sono contro gli i-Phone! Così, tanto per andare contro corrente. Ma lasciamo stare: voglio il post. vediamo come ne esco. Già è tutto il giorno che ci penso e mi dico: Marò! ho fatto la figura della coglionazza! E' che quando sono emozionata se non mi ammutolisco divento cirliera e... ma vabè. La battuta... la puoi riutilizzare se vuoi!

    @Mel: oh, ma tu tentenni!

    RispondiElimina
  7. @Silvia: mah, sarà il reflusso economico? La grande depressione? Il rialzo dei generi alimentari? Il maltempo che incalza? la delusione storica? per me è stata la reclusione con neonata. poi non so!

    RispondiElimina
  8. Che bello, hai incontrato dei blogger! Buon compleanno al blog allora! Ciao, cara Suster.

    RispondiElimina
  9. uauhahuhuahuahua ma nooooo...è che avevo commissioni iper urgenti da fare..ufffffff e oggi ero tutto il dì via x il servizio civile!!! :/

    RispondiElimina
  10. auguri Suster.....io non ti commento spesso ma ti seguo! Grazie per esserci!

    RispondiElimina
  11. 6cuori: sì sì è stato emozionante, strano, normale, naturale, improvvisato, gratificante, rassicurante. Bello!

    Mel:ma vai tranquilla. poi mi fai un fischio quando vuoi, sfuggente ragazza!

    madamadorè: grazie! Grazie per la fedeltà: tu sei una delle più tenaci! In quanto a commentare, non me ne faccio un cruccio. Un saluto alle belle figlie!

    RispondiElimina
  12. Auguri, Suster! Ma Zorro lo sa, vero, che io ora vengo a tirargli la coda 365 volte (anzi, 366 che sono in ritardo) per festeggiare? O forse potei dare altrettanti grattini a Pazumen hihih

    RispondiElimina
  13. occhio: dall'incontro blogger in carne e ossa non si torna *mai* indietro...! ;-) auguri!

    RispondiElimina
  14. A parte il "tanto per rompere le acque" che mi servirebbe proprio in questi giorni (ah ah ah)...tanti auguri per il tuo anno di blog! Direi che progressi ne hai fatti, tra tecnologie, vita familiare e altro :) E quanti post! Guarda che non occorre per forza festeggiare con blog candy, non farti condizionare dalle regole, è il tuo spazio, lo gestisci come vuoi :) o no? Non avevo fatto caso al libro degli ospiti, ma vado a darci un'occhiata :)
    AUGURI!!

    RispondiElimina
  15. Grazie Sfolli! I gatti apprezzano e ricambiano con fusa e arricciamento di unghie!

    Povna: dici che sono entrata in un tunnel?

    Lisa:quindi non dovrei cedere alla tentazione di omologarmi? Ma io AMO omologarmi! NOn sempre sono in grado di farlo però. E amo farmi amare dalla gente mettendo in palio oggetti effimeri! Scherzi a parte: quella saputella che mi vorrebbe sempre far fare cose fuori dalla mia portata è quella parte di me che, poretta, raramente viene ascoltata dalle altre, cialtrone e scazzone, che in genere tendono a farsene beffe. Tranquilla che raramente mi metto a fare cose che non ho voglia di fare se non sono costretta.

    RispondiElimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.