venerdì 20 aprile 2012

Libri e gatti: connubio perfetto.

Un bel giorno il gatto Zorro e il gatto Panzumen, decisero da fare visita al gatto Caffelatte.
Toc-toc!

No, non ho sbagliato rubrica, e nemmeno giorno: il gatto Zorro e il gatto Panzumen sono così invadenti che vogliono entrare anche nella rubrica del venerdì: I venerdì del libro.

E fu così che decisero di entrare anche dentro a un libro.
Cioè, più che un libro è una casa: La casa dei gatti.



Il gatto Caffelatte ne fu molto felice e invitò i due visitatori a fare proprio come se fossero a casa loro.

Quei due impuniti non se lo fecero dire due volte, e si sollazzarono come mandrilli nelle comode stanze della casa dei gatti, che, malgrado la bidimensionalità dei suoi costituenti, non si fa mancare proprio niente in quanto a comfort.
Ora io non dovrei mostrarvi troppi particolari di questo loro soggiorno nella casa, perchè rischierei di rovinare la sorpresa a chi si facesse venire la voglia di andarvi a curiosare per proprio conto, e tra l'altro sono stata preventivamente minacciata dall'avviso sulla quarta di copertina a non riprodurre alcuna parte del libro in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, quindi mi chiedo se mostrandovene qualche scorcio io non stia violando deliberatamente qualche diritto di copyright (nel caso i diretti interessati mi contattino pure).
Ma come faccio a parlarvene senza mostrarvelo?
Nella casa di gatti, i gatti preparano torte in cucina, schiacciano pisolini in soggiorno, provvedono alla propria toeletta nella stanza da bagno e si scatenano in nascondini e salti sul materasso in camera da letto. Li vedi? Sono  proprio lì che saltellano: tu non devi far altro che tirare una linguetta e li vedrai muoversi.
E poi sbircia un po' nel frigorifero, per vedere cosa c'è per cena, fruga nell'armadietto per cercare lo shampoo, guarda nell'armadio e... ma chi ha lasciato in disordine l'album dei disegni?
Insomma, sì, c'è tutta una vita casalinga da scoprire: familiare perché fatta di oggetti noti, di azioni quotidiane e di ambienti domestici; divertente perché ricca di particolari buffi, e perché gli attori sono loro, i mici dell'inconfondibile matita di Nicoletta Costa, affascinante perché puoi entrare anche tu negli spazi del libro, aprire e chiudere ante e sportelli, chiederti all'infinito: "Che fine avrà fatto il gatto Gigi?"
La pupa è entrata in loop, ripercorrendo a oltranza le stanze della casa dei gatti.

Successo assicurato quindi.

Solo due osservazioni da fare, rivolgendomi agli adulti, però, da adulta, che deve vedere il pelo nell'uovo:
  • la trovata della casa pop-up con gli sportelli che si aprono è geniale. Allora, perché non sfruttarla di più? Secondo me l'idea poteva offrire tantissime soluzioni inesplorate, nascondere tantissime altre sorprese da scoprire, personaggi che sbucavano da sotto il tavolo, televisioni con ruote girevoli che ruotandole cambiavi canale, un forno in cucina con l'arrosto, una finestra che apri la persiana e vedi passare un aereo (che ne so, anche un passante, un amico-gatto che fa ciao), il tapppeto che si solleva un angolo e trovi... boh! Un panino mezzo mozzicato? Un topolino che si nasconde? Una superficie specchiante inserita nello specchio del bagno... Insomma: un poco delusa, sì. Mi aspettavo un po' più di fantasia. A lei però non l'ho detto, ché le è piaciuto anche così.
  • Il libro-casa è estremamente fragile (ahimè). L'ho detto anche alla pupa: le ho insegnato questa parola "fragile", che vuole che una cosa sia maneggiata con cura e delicatezza. Ma insomma: non è che si può pretendere che tirando e spingendo una linguetta su e giù a lungo andare la pagina non si strappi (infatti ci siamo quasi). Possibile che non si potesse usare un cartone un po' più resistente? Dopotutto il prezzo di copertina non è certo irrisorio...
Ma comunque:
Titolo: La casa dei gatti
Autore: Nicoletta Costa
Editore: Gallucci, 2011
Voto: 8-1/2
Suster consiglia: dai 18 mesi d'età (anche se c'è scritto "non adatto ai bambini di età inferiore ai 36 mesi per rischio di ingestione di piccole parti", ma se non avete un bambino idrofobo...)


 




Ah! E poi ho scoperto una cosa bellissima. Che la casa dei gatti può essere usata anche così:


Lei però preferisce la modalità "libro".

E ora in calce i miei soliti link:
Buone letture!

21 commenti:

  1. Che carino!!! Quanto mi piacciono i libri così :)

    p.s. nella foto di linkedin sei moltoooo professionale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! mi hai sgamato! Ehm... quella foto risale a qualche era fa... quando avevo i capelli corti! Stavo giusto giusto pensando di aggiornarla... ma dopo un tale commento, come posso? ;-D

      Elimina
  2. Wowowow! Me lo segno, per adesso i pop up sono out :(

    RispondiElimina
  3. la tua capacità di scovare libri bellissimi è un'arte!! stupendo, davvero!
    giuppy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, passo solo un sacco di tempo a gironzolare per Anobii e Amazon... è una passione! E quando trovo qualcosa che mi stuzzica... non resisto!

      Elimina
  4. Ecco il secondo libro di Nicoletta Costa che vedo questa settimana: per una amante dei felini come me, va proprio bene!

    RispondiElimina
  5. E' bellissimo! Devo prenderlo!! Questo si trova ancora?

    Alle tue due osservazioni rispondo così: sarebbe costato troppo :-/
    Di solito quando vedi un progetto ben fatto con delle potenzialità che si esprime al di sotto delle aspettative, ecco, di solito hanno bocciato il budget. Non sempre, ma secondo me spesso.
    Fare finestre in più significa fare fustelle più elaborate e usare cartone più spesso significa un costo elevato della carta :-(((

    Scusa Sus, ogni occasione è buona per lamentarmi di sta cosa che soffro a pelle!

    Ribadisco il libro è bellissimo :-)) Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi interessa molto il tuo parere da esperta del settore, invece.
      Capisco, ma il mio diritto-dovere da acquirente-lettrice-utente è quello di esprimere impietosa il mio giudizio sul risultato, che certo non è scadente, però... come dire: dal momento che lo fai, sfruttalo! Sbaglio? Forse sì.

      Elimina
    2. (Questo si trova si trova! Vedi link da me postato su fb qualche tempo fa...)

      Elimina
    3. Ah si ora ricodo il link su FB! Grazie per la mail :-)
      Eh ma tu hai ragione, io la penso alla stessa maniera!

      Elimina
  6. Nicoletta Costa (pop up o no) è sempre amatissima dai bambini sotto i tre anni. Purtroppo hai ragione che i pop up sono fragili, ma vuoi metter quanto si divertono ; D! Io ho fatto la pazzia di comprare i primi 4 libri di David Carter (editi dalla Fabbri). Io ho tre figli e i libri sono sfasciati, ma loro ogni tanto li riprendono e non se ne accorgono che sono sbrindellati.
    Grazie del suggerimento e buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è vero, ma io ODIO i libri sbrindellati! >:|

      Elimina
  7. Risposte
    1. (La Gallucci ha trovato in me un'abile promoter...)

      Elimina
  8. Che bel libro proponi oggi, tematica e tipologia sono tra le mie preferite!

    Quoto quanto detto da Owl rigurdo alla lievitazione dei costi in caso di moltiplicazione delle finestrelle/fustelle/decorazioni varie: ma questo libro è delizioso anche così...e il fatto che la tua pupa non si sia lamentata di nulla può dimostrare che questa esigenza è più adulta ;-)

    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero grazia: siamo noi adulti che riusciamo sempre a vedere "quello che manca" dietro a quello che c'è. Loro invece godono di quello che c'è senza pensare che "potrebbe essere diverso".
      Però avevo avvertito che il mio sarebbe stato un commento "da adulta": meglio fare le debite distinzioni tra piani di giudizio. Grazie: spero che piaccia. (Noto spesso che in genere gli amanti dei libri sono anche amanti dei gatti. Non sempre, ma quasi, eh!)

      Elimina
  9. Che meraviglia! Questo ci manca... Anche noi abbiamo parlato di un libro che parla di gatti illustrato da Nicoletta Costa ma questa bellissima casa proprio ci manca. La debbo cercare. Farà furore qui da me!

    RispondiElimina
  10. Non sono amante dei gatti ma tanto dei libri con prodezze cartotecniche e questo mi sembra da primi posti.
    Di solito i pop li guardo insieme alla canaglietta così riesco a limitare i danni usura.
    La recensione è divertentissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa??
      Non sei amante dei gat... male, molto ma molto male! Vedi di rimediare! e al più presto anche!
      (Prima anche io facevo come te, gestivo il corretto funzionamento dei pop-up, ma da qualche tempo la pupa mi proibisce tassativamente di intervenire nel suo libero e autonomo sfogliare, a suon di urla e di "E' MMMMIO!". Lei però è molto rispettosa dei suoi libri, almeno finchè non le saltano i nervi perchè non riesce ad aprire una finestrella...)

      Elimina
  11. Pensavo di aver commentato....comunque il libro che hai presentato dev'essere bellissimo devo proprio procurarmelo:-) Gia ne abbiamo uno simile (La casa di Pina) e i bimbi proprio l'hanno guardato tantissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione! Me la sono andata a cercare. Conoscevo Lucy cousins, ma non questa villetta. Quasi quasi...

      Elimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.