domenica 29 aprile 2012

Merende notturne e body art.

Capita, non spesso, è vero, ma capita, alle volte, che alcuni risvegli siano molto anticipati rispetto all'abituale decorso biologico di una madre normo-dotata. Capita che una certa pupa di mia conoscenza intorno alle 4 di notte o giù di lì (quando la sottoscritta ha preso sonno da poco più di due ore o giù di lì) parta con una delle sue miglior performances istrioniche (dove troverà l'energia a quell'ora non saprei) e vedendosi a lungo ignorata nella speranza che i suoi entusiasmi notturni repentini vengano smorzati, insista a gran voce perchè "cialtiamo?" oppure parta con il ritornello: "Fa'e me'enda Mimi, fa'e me'enda Mimi!" "Mimi, ma che merenda, sono le 4, vedi di dormire..." "Tuccodimela tuccodimela!". Ecco io inizio a dubitare che il consumo irresponsabile di questo succo di mela la mandi talvolta in sovradosaggio glicemico, di modo che lei risulta tipo dopata.
In somma, una poveraccia alla fine si alza, che deve fa'?

Cosa fare alle 6 di mattino per sfinire le energie di una pupa dopata?
Attenzione, sto per mostrarvi immagini che non consiglio di ripetere a casa, a meno che voi non vi troviate in una situazione di analoga gravità.

Ok, la finisco: oggi parleremo di Body-art.
Era da tempo che volevo scriverne; oggi coglierò l'occasione di questo mio inutile stato di veglia in condizioni meteorologiche avverse, mentre i restanti quattro abitanti della casa se la dormono (gatti inclusi).
Voglio innanzi tutto segnalare colei a cui mi sono ispirata, in fatto di attività da fare con i bambini è un poco la mia guru, a proposito di pittura ho trovato molto interessante questo post, che mi ha offerto molti punti focali su cui riflettere e lavorare.
Non è così intuitivo e semplice far dipingere un bambino piccolo.
Io credo che la prima e la più importante regola da osservare sia proprio "osservare", capire le diverse esigenze e le diverse propensioni di ciascun piccolo artista del pennello, e proporre un approccio graduale.
Spero che Debbie non me ne vorrà se espongo qui le mie riflessioni in appendice alle sue.

La prima volta con la pupa è stato un mezzo disastro (ne avevo parlato un po' qui).
Nel frattempo abbiamo fatto grandi passi avanti.
Dunque la prima cosa è osservare, la seconda è non arrendersi alla prima difficoltà (i bambini devono avere il tempo di abituarsi a una novità, oltre che di imparare a dedicarsi ad un'attività che non conoscono); la terza è imparare dai propri errori.
E io ne avevo fatti una serie:
  • Credendo di dover lasciare il più possibile spazio alla sua libera iniziativa, le avevo messo a disposizione colori e strumenti (un pennello) e avevo lasciato che sperimentasse da sola l'uso che poteva farne. In realtà credo che questa cosa l'abbia spiazzata: lei era molto attratta dalla pastosità dei colori per dita, se li spiaccicava tra le mani, ma non arrivava a immaginare un possibile utilizzo diverso da quello di assaporarne consistenza e giocare a farci cik-ciak. Mi rendo conto che anche quella è una fase importante: prendere dimestichezza col materiale, conoscerne le qualità materiche e saggiarne le potenzialità. Allora forse avrei dovuto lasciare che questo primo approccio si esaurisse nella reciproca conoscenza, senza pretendere che lei si desse subito alla pratica pittorica.
  • Sempre nella convinzione di lasciarla il più libera possibile, le avevo messo a disposizione un'enorme superficie di cartone su cui lei potesse muoversi liberamente (anche per limitare il debordare dell'esperienza artistica al di fuori dai limiti consentiti). In realtà mi sono accorta  che riusciva a concentrarsi maggiormente e a trarre maggior gratificazione quando si trovava a disposizione uno spazio ben delimitato, più gestibile almeno finché non avesse preso maggior confidenza con la tecnica.
  • L'avevo incoraggiata ad utilizzare le mani, credendo che un approccio più diretto con il colore, il contatto coi materiali, la possibilità di imprimere segni colorati sul cartone direttamente con le dita, fosse più semplice all'inizio e più stimolante. Avevo dei preconcetti, è vero. In realtà ho dovuto constatare che a lei non piace particolarmente avere le mani sporche e molto impiastricciate senza avere la possibilità di pulirle, e questo ha fatto sì che istintivamente le mettesse in bocca, come avrebbe fatto se le avesse avute ad esempio sporche di banana spiaccicata o di yogurt, e le conseguenze sono state pessime.
In realtà rimasi molto stupita quando una maestra del nido (una della classe dei più grandi, tra l'altro, non una delle sue) mi venne a dire che Mimi, la prima volta che aveva partecipato ad un'attività di gruppo di pittura, si era distinta per l'ordine e la disciplina con cui aveva impugnato il pennello, evitando accuratamente di sporcarsi le mani, e mentre tutti combinavano i più grandi casini tutt'intorno, lei spennellava diligentemente e con grande attenzione il suo foglio, senza degenerare più di tanto. Se la maestra era stupita di questo, io ho capito che dovevo ritentare l'esperimento a casa, perché non era vero che lei non fosse pronta, era vero solo che io non avevo prestato la giusta attenzione alle sue attitudini, e non le avevo permesso di trovarsi a proprio agio.

Quindi si ritenta:





Stavolta ho preso questi accorgimenti:

  • Onde evitare lo sgradevole incidente del pasteggio a tempere a dita, mi sono cimentata nella mirabolante impresa di realizzare tempere casalinghe con materiali ingeribili (farina e acqua, più i famigerati coloranti alimentari).
  • Al posto del grande cartone un cartone ridotto, che ho fissato al suo piccolo tavolino milleusi altezza pupa, che lei già utilizza quando disegna con le matite colorate, e vedo che si trova più a suo agio dovendo gestire una piccola superficie.
  • Le ho dato subito in mano i pennelli e le ho mostrato come utilizzarli (ma a quanto pare aveva già fatto pratica altrove!)
A un certo punto di sua iniziativa ha iniziato ad usare le mani per spargere il colore, in alternanza col pennello.




 Avere le mani sporche non le piace a lungo andare, quindi le metto a disposizione diversi canovacci e le mostro come pulire se stessa e i pennelli quando sono molto inzaccherati:

 

Il risultato, di cui siamo state molto orgogliose, è stato questo:


A me piace molto: mi sembra una foresta incantata con alcuni Dolmen... va be', ma non pretendo che li vediate anche voi!

Alcuni appunti finali (partendo dalle osservazioni di Debbie):

  • ho dovuto superare la mia resistenza a lasciare che la pupa si sporcasse da capo a piedi quando la faccio dipingere, anzi, ho messo questa eventualità in conto, e quasi come una necessità. Il problema è che io sono piuttosto pigra per quanto riguarda rassettare e predisporre tutto nie minimi particolari. Piuttosto che cambiarla due volte (prima e dopo la pittura) e dover comunque avere dei panni da lavare, lascio che si sporchi gli abiti che ha indosso, tanto qualsiasi copertura non sarebbe sufficiente del tutto e poi le tempere per bimbi sono perfettamente lavabili e i vestiti tornano puliti senza tanta fatica.
  • Idem come sopra per il pavimento: non metto nessuna protezione sotto, preferisco passare un colpo di straccio alla fine che avere teli e giornali fradici e impiastricciati da levare di mezzo. L'unico problema è che quando la stagione non è ancora calda, stare sul nudo pavimento è altamente sconsigliabile in casa nostra, ma pare che ne stiamo venendo fuori...
  • Le mie tempere fatte in casa erano una ciofeca: troppo liquide,  il colore steso non era opaco, ma praticamente invisibile sul cartone scuro. alla fine le ho integrate con i soliti colori a dita, una volta appurato che l'incidente della prima volta non si sarebbe ripetuto in condizioni ottimali (i colori alimentari sono necessari per i bimbi che vengono iniziati alla pittura quando sono molto più piccoli, ma la pupa ha già quasi due anni, e riesce a controllare quasi perfettamente l'istinto di saggiare tutto con la bocca!). Non escludo però che qualche volenteroso possa provare a mettere a punto una ricetta perfetta (la pasta del colore deve risultare molto densa per poter dare buoni risultati di visibilità!) e realizzare le sue tempere fatte in casa. Fatemi sapere in caso!
  • Debbie non interviene mai nel lavoro di suo figlio. Io con la pupa invece non sono riuscita a trattenermi: ho collaborato. Ritengo che dipenda dallo scopo che vi prefissate: io sono portata per lo svolgere un'attività insieme, pur non interferendo con il suo lavoro, ma mi rendo conto che da un altro punto di vista questo potrebbe essere inteso come "condizionare la sua libera espressività". Però mi piace quando lei dice, indicando il cartone "L'hanno fatto Mimi e mamma!"
  • Io non taccio. Io non taccio quasi mai quando sto con la pupa: praticamente da quando è nata non faccio che parlare di continuo, un monologo ininterrotto fino a qualche mese fa, un dialogare esilarante ora. Il nostro modo di rapportarci l'un l'altra è fatto soprattutto di parole, interrogazioni, risposte, descrizione di ciò che stiamo facendo o che abbiamo appena fatto. Quando lei mi dice: "Mette il giallo Mimi?" Io rispondo: "Sì, Mimi, metti il giallo, brava!". Quando lei mi dice: "Chebello chebello ha fatto Mimi!" io incalzo: "Sì Mimi, è proprio bellissimo! Brava!" E non so se ciò sia ineducativo, ma non credo che lei dipinga solo "per compiacere me", ma che le piaccia condividere la soddisfazione di aver fatto qualcosa di bello. E' una bambina estremamente comunicativa e non potrei smorzare i suoi entusiasmi astenendomi dal parteciparvi.
Terza prova:







Mimi è ormai padrona della tecnica ed è più disinvolta nell'usare pennello o mani. Sperimenta anche le potenzialità della body art. Con che coraggio impedirglielo?

Io per conto mio ho oramai interiorizzato una pressocchè totale indifferenza allo sporco da pittura da dita. Tanto pulire, bisogna pulire, e allora...


 La piccola Pollok!


Mimi sperimenta un'epifania vera e propria: se tu mischi blu...


...e rosso...




"Biola! E' biola mamma! E' Biola!"


Guardava e cercava di capire la magia. E' stato molto bello vederla fare questa scoperta, vederla cosciente della portata di ciò che aveva appena svelato.

Ma veniamo a oggi:





Ottima cosa essere ancora in pigiama e pregustare un bel bagno con animali spompa-pupa.
La body art è ormai pratica appurata e consolidata.
Ci si tinge di rosso con cura i piedi...


Poi si passa alle braccia:




Il misfatto è compiuto.
Posso dire che abbiamo una pupa perfettamente iniziata alla pittura con dita, mani, piedi, corpo...

Oggi ho voluto anche inserire una variazione sul tema (l'idea non è proprio mia: il suggerimento me l'ha dato questo  blog).



Una spugna tagliata in pezzi di varie forme.



L'idea era che si potessero usare come una sorta di timbrini, ma lei ha preferito darsi alla Drip Painting!

Riepilogando care mamme, cosa dire?
Osservare, non desistere, imparare dai propri errori, mettere a loro agio i piccoli artisti, non imporsi metodi prefabbricati, seguire la propria indole, accettare di buon grado lo sporco, lasciare il campo aperto a sperimentazioni, e infine, lasciare che si diverta (divertitevi anche voi, se vi riesce eh!)

(Grazie Debbie!)

12 commenti:

  1. è bellissima! con quei piedini e quelle manine colorate! certo magari fosse un'ora più "umana" saresti contenta anche tu! un abbraccio antonella firenze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il quando non è del tutto sotto la mia gestione. Bisogna cogliere l'attimo... Carpe diem... Siate pronti con la cintura ai fianchi e le lucerne accese...

      Elimina
  2. che bello!! ma come si fanno i colori fatti in casa?? mi scrivi gli ingredienti e le dosi???? mi piacerebbe provare...e il mio bimbo ha 22 mesi e sicuramente leccherà i colori....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda il mio esperimento è stato un po' un pacco. Comunque io ho fatto una specie di besciamella, con un po' d'olio di semi, farina e acqua, e l'ho fatta cuocere finchè non si è addensata.
      Dopo ho fatto l'errore di diluirla perchè mi sembrava troppo densa, ma in realtà se vedi la consistenza dei colori per dita è molto pastosa, grumosa, quindi dovessi ritentare l'esperimento cercherei di farla addensare il più possibile.

      Non so però se il fatto che il colore risultasse molto trasparente dipendesse da quello o dalla natura dei coloranti alimentari.
      Bisognerebbe capire come fare per opacizzare il composto (magari aggiungendo sabbia? Ma in quel caso non sarebbe più commestibile...)

      Elimina
  3. Ma che bella :)
    Ho "visto" il paesaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male, allora non sono allucinazioni mie da astinenza da sonno!

      Elimina
  4. No, fammi capire: tu alle 5 di mattina non solo hai avuto la forza di alzarti e darti al total painting con la tua bimba (che già fa di te la mia dea) ma anche la volontà di prendere la macchina e fare foto.. Dì la verità ti eri dopata anche tu..?!? Fantastica, comunque, sul serio. Soprattutto la saggezza del lasciare essere il caos. Io non sono padrona di me all'alba, ma sul caos e lo sporco sono come te, quando ci vuole ci vuole! Che tanto si pulisce lo stesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo di essere un caso umano molto preoccupante... pensa che prima di mettermi a fare le foto la stavo riprendendo con la videocamera... però poi è finito il nastro e allora...
      però quella della pittura è stata una via d'uscita necessaria. Non avrei avuto la forza di farle fare altro. cxhe alternative avevo? Lettura di libretti a oltranza fino al sopraggiungere del sonno? ARGH!

      Elimina
  5. Bellissimo!!!!
    La Pupa è una meraviglia :-)

    Anxh'io non riesco a non partecipare, mi piace proprio e mi sembra che a lui faccia piacere condividere queste esperienze sensoriali ( oltre a farmi girare con le macchinine intorno al dicano!!!)
    A Di piace tantissimo dipingere sulla plastica da imballaggio, quella con le bolle per intenderci.

    Ah ancora febbre... Sarà un'altra lunga notte!

    RispondiElimina
  6. becca e porta a casa Suster! hai visto che la Pupa è capacissima di lasciarsi andare alla pittura! quello del mettere in bocca è una fase necessaria, il Picci prima di usare le tempere ha "dipinto" per un anno circa con i coloranti alimentari e la cosa era così: sul seggiolone, pennello, foglio, e...mani in bocca! il foglio non lo guardava nemmeno! però alle cinque del mattino...no...io mai.

    RispondiElimina
  7. Va be', dai, saranno state le sei passate quando mi sono decisa ad alzarmi! Sì, è vero: è capacissima. Sono io che non ho azzeccato i tempi e i modi. ma imparo dalla maestra, a furia di piccoli tentativi!

    RispondiElimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.