domenica 9 settembre 2012

La trasformista.

La pupa possiede poteri fuori dal normale.
Nella fattispecie la pupa si trasforma.
Lo dice lei stessa: "Mamma, mi sono taffommata".
"Ah, e in cosa?"
"Mi sono taffommata Pinocchio".
In effetti questa è una delle sue metamorfosi più frequenti: Pinocchio.
Ma non vi aspettate una trasformazione parziale o approssimativa: quando lei si trasforma, si trasforma proprio per bene, e rimane tale fino a quando non lo decide e non lo comunica ("Mamma, ora mi sono taffommata Heidi").

Quando si trasforma in Pinocchio, per esempio, automaticamente tutto il suo mondo si adatta al cambiamento: suo padre diventa ovviamente Geppetto (povero Hasuna), la sottoscritta cessa di essere semplicemente mamma e diventa "La mamma di Pinocchio" (troppa grazia aspettarsi di essere la fata turchina, ma tanto non ci tenevo minimamente, ché quella mi sta pure un po' sulle palle), Zorro diventa Piga'o (Figaro), il cane Gentile diventa Melampo (Eh, sì, un bel guazzabuglio tra personaggi del film Disney e quelli della fiaba originale), il peluche Amleto diventa Il Gatto e il povero Panzumen, non chiedetemi perchè, La Volpe.

Il bello è che può passare la giornata intera a correggermi, se io dico, per esempio:
- Mimi, lo vuoi un po' di succo?
Lei:
- Lo vuoi un po' di tucco, PINOCCHIO?
Oppure:
- Guarda, è tornato Buia (NdR. babbo, in arabo).
- Guadda: è tonnato Geppetto, Pinocchio.

- Buon giorno, Mimi, hai dormito bene?
- Hai dommito bene, Pinocchio? Eh, Pinocchio? Con Piga'o Pinocchio? Tì, Mamma-di-Pinocchio, ho dommito molto bene.

E insomma, così via.

Se un giorno si sente particolarmente propensa a un vezzo di vanità femminile, ecco che la vedi pavoneggiarsi allo specchio facendo ondeggiare il suo vestitino a fiori e dire:
- Guadda come tei bella, Tenerentola! Gudda che belle, mamma, le mie ccappette di chistallo!
Trattasi ovviamente delle scarpe da tennis lilla a fiorellini, con gli strap: di cristallo, e come no?

C'è poi Biancaneve, che ultimamente è un sembiante che ama prender piuttosto spesso, per quanto non arrivi ancora a far concorrenza al quotatissimo Pinocchio.
Allora va tipo così:
- Mamma, tono Biancaneve, oggi.
- Ah, sei Biancaneve. L'hai già mangiata la mela avvelenata?
- No, non l'ho mangiata anco'a. La mangio dopo.
- Bene! Così poi dormi per cento anni, finchè arriva il principe!
- No, mam-ma! Quella è 'Osappina! Tono Biancane-ve!

Oppure con molta nonchalance mi fa:
- Mamma mi tagli la mela avvelenata, peffavo'e?
Immaginate un po' che dialoghi da famiglia Addams.

Per finire qualche giorno fa, 40°C all'attivo, ma 50 percepiti, ve lo giuro, in casa nostra, lei praticamente nuda in giro per casa (ma anche io più o meno):
- Mamma mi p'endi la mantella, peffavo'e?
- La mantella??? Mimi ma sei pazza? Si muore di caldo! Che ci fai con la mantella: la sauna?
- Peffavo'e mamma, mi p'endi la mantella di Cappuccetto 'Otto? Peffavo'e mamma...
Ora siccome lei i per-favore e i grazie li dispensa a volontà, alla fine mi manca il cuore di non accontentarla, tanto in fondo, tempo di schiattare di caldo lì sotto la plastica, se la leva da sola, la mantella impermeabile "di Cappuccetto Rosso".
La perdo di vista per qualche minuto, dopo la sento chiamarmi dalla terrazza:
- MAMMAAAAA! MAMMAAAAA!
- Cosa c'è, dove sei?
La becco in cima alle scale che si accinge ad uscire di casa vestita praticamente come una maniaca esibizionista (mutande e impermeabile).
- Io vado dalla mia nonna, va bene? Che sta male. Buon viaggio!
(Se lo augura pure da sola).
Avoglia a convincerla del fatto che la casa della nonna è piuttosto lontana, e che non basta attraversare il bosco a piedi, lupo o non lupo.

- Ciao Geppetto! Tei tornato dal negozio del palegname?
Hasuna, di ritrono dalla macelleria, rimane interdetto sull'uscio di casa, poi mi fa:
- Le racconti troppe favole a questa bambina: sta diventando scema!

Mia madre invece ha le sue teorie degne di una nonna psichiatra in pensione:
- Non mi piace che l'assecondi in questo gioco! Ci manca solo farle venire una crisi d'identità a due anni!

I grandi talenti sono sempre incompresi: Maga Magò, Barbapapà, a lei fanno un baffo! Non è da tutti avere una figlia trasformista!

17 commenti:

  1. Lo sai, sì, che tua figlia è avantissimo rispetto alla sua età e che i giochi di immedesimazione arrivano molto più in là? Grande Mimi! (anzi, grande Pinocchio!)
    Baci a entrambe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOn ne ho idea, veramente. Forse dipende da quello che a un bambino interessa. A lei in effetti credo di aver fatto una capoccia così tra storie, libretti, canzoni varie... se uno mangia sempre pane, per dire, diventa un esperto di prodotti panificati, ma magari se la cava meno bene con, che so, i formaggi?

      Elimina
  2. Ma che forte! Ecco, me lo devo ricordare: dopo il tunnel dei primi mesi (leggi anno e mezzo) arrivano queste fasi di interazione esilarante! Tu filmala però che quando è grande ti ritrovi un'arma di ricatto non indifferente... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, ripetitelo come un mantra: più crescono e meglio è! Io ne sono convinta, e mi spiace ma non riesco a condividere la nostalgia di quelle mamme che si commuovono di fronte a una tutina taglia 0! Oddio! Per me dopo i 6 mesi si è iniziato a respirare, dopo l'anno a rivivere, dopo i 2 (o un po' prima, dai) mi sono iniziata a divertire davvero!
      (No no, i figli non si ricattano!)
      (E poi basterebbe l'esistenza stessa di questo blog: materiale non mi manca certo! ;D)

      Elimina
  3. Sì sì, aspetta che si trasformi in questo http://www.youtube.com/watch?v=WKNgERX1Sqo XDDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO, povera! Perchè mai dovrebbe trasformarsi in Barney??? Proprio lei che sta rivelando poi un'animo così incline ai romanticismi e alle melensaggini sentimentali! Quella se mai potevo essere io da piccola... :D

      Elimina
    2. Mai sottovalutare le potenzialità nascoste di una fanciulla in erba! PS ... e infatti, quello/a sono io da grande XDDDD

      Elimina
  4. Risposte
    1. Temo che perda molto in spontaneità una volta messa davanti a una videocamera e imbeccata da me, del tipo: "Allora, Mimi, in cosa ti sei trasformata, oggi?". é che dovrei averla pronta sempre a portata di mano per cogliere i suoi picchi metamorfici. Detto questo, potrei provare a farle un video, ma mi sentirei un'idiota a postarlo sul blog come i filmini della recita di fine anno!
      Ma ci penso...

      Elimina
  5. A me sembra fortissima davvero :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è! Dal vivo anche più di quel che io posso raccontare per iscritto...

      Elimina
  6. Ma fai benissimo a raccontarle queste favole, perchè la fantasia dei bambini non deve avere limititi.. Io per anni ho avuto un marito immaginario e mi ha fatto molta compagnia ;)
    Credo che sia molto meglio passare le giornate da trasformista in balia della fantasia che davanti alla TV!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per fortuna avevo svariati fratelli all'occorrenza e amici immaginari non ne ho dovuti inventare. Però di tv ne ho guardata un bel po'... magari a 2 anni cerco ancora di non sdoganarla 24 su 24, ma qualcosa le lascio pur guardare (i cartoni animati in arabo su una rete saudita, che poi sarebbe la solita Foresta dei sogni, mi autogiustifico dicendomi che è un incenticìvo ad imparare la lingua paterna, per quanto non mi pare che lei abbia difficoltà in quel senso). No ma io sono fleice che lei dedichi tanta attenzione alle fiabe e ai racconti e che sia una bimba tanto fantasiosa e riflessiva, solo che quando la vedo in contesti "sociali" appartarsi dal caos dei coetanei e scovare in un angolo qualche libro illustrato da leggere in solitudine (tipo stamani alla festicciola di accoglienza al nido), un poco temo di aver inibito il suo lato più estroverso a favore di quello fantasioso introspettivo. Comunque ci sarà tempo per crescere ed esplorare altri territori ludici. Del resto quella di poter influenzare al 100 per 100 il loro carattere è una mera illusione, ognuno ha, di fondo, la sua indole!

      Elimina
  7. A due anni tua figlia parla cosi bene e cosi tanto??? sembra me da piccolina che non mi trsformavo ma avevo una radiolina con microfono e mi dilettavo in, canzoni, interviste e trasmissioni direttamente in onda dalla camera da letto di mia nonna... la mia nipotina MAtilde al massimo cana BARBAPAPAAAA e ha imarato ad andare dal nonno con le manine in segno di preghiera per dire... "ti peeegoooo, sciolino" traduzione " ti prego, comprami il pesciolino!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A ogni bimbo i suoi tempi, come dico sempre. (Sì, lei comunque è stata una parlatrice piuttosto precoce e svelta,già a 17 mesi avevo rinunciato a tenere il conto delle parole incluse nel suo vocabolario, perchè soprattutto ripeteva ogni cosa sentisse. Utilizza la tecnica del pappagallo, insomma!)

      Elimina
  8. L'assecondare credo sia quasi ininfluente sulla loro fantasia che comunque viaggia a ritmi strepitosi! Qui abbiamo assistito non so a quanti matrimoni tra la grande e il mezzano, che stancatosi dei baci della sorella ha cominciato a trasformarsi in tigre, portando a sua volta a spasso il nuovo cucciolo acquisito! Anch'io mi trasformo, che lo voglia o no, da madre della sposa a mamma tigre... senza contare quella volta che mi diedero... della balenottera!!! baci a Pinocchio.
    Ma la Fata turchina non era la mamma di Pinocchio?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO! La fata turchina era solo un'intrigante scassaballe bacchettona che non pare abbia mai avuto alcun tipo di rapporto carnale neppure incidentale con l'anziano Geppetto.

      Anche io mi trasformo: in modalità "orco cattivo", per poi piangere sommessamente di nascosto della mia scarsa pazienza e della mia incapacità di contenere e governare i miei nervi che saltano. Del resto lei non vuole che io faccia il principe... qualche ruolo dovrò pur averlo!

      Elimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.