martedì 18 settembre 2012

Torna roba da gatti: occhio a quei due!

Alquanto atterrita dall'ignoto, preferisco rifugiarmi nel noto... rispolverando la cara vecchia rubrica!

Quest'estate è sbocciato un amore.

Vuoi tu, Mimi...


Vuoi tu, Panzumen...


Sì, lo voglio.
Ok, puoi baciare lo sposo!





...E vissero per sempre felini e contenti...


Roba da gatti, la rubrica del martedì.

7 commenti:

  1. Quanto sò belliiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Uhuhuhuhuhuhu! Belli loro!

    Sus ho bisogno di un consiglio: Izio è da tre giorni chiuso nella nuova casa... Non ne può più. Dici che se lo lascio uscire poi si perde? Stiamo al terzo piano adesso, non so proprio come fargli esplorare i dintorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu lo conosci: è uno di quei gatti che si spaventa facilmente e scappa in preda al panico?
      I miei sono molto cauti quando cambiano aria, e ci vuole un po' prima che si avventurino. Panzumen poi è terrorizzato dal nuovo e finchè non si sente sicuro non si avventura dove non conosce.
      Io gli aprirei la porta e vedrei che fa. Sicuramente inizierà ad indagare il terreno con cautela, prima di spingersi in territori sconosciuti. Magari prova ad accompagnarlo all'inizio così magari sta più tranquillo. E pure tu! ;D
      (Io lo dico sempre che i gatti so' piezz'e core!)

      Elimina
  3. Ma che belli!! Bisogna che scriva anch'io di Attila, è da tanto che non compare.
    Owl, mi impiccio io: con Attila ho sempre fatto così in ogni spostamento, gli ho mostrato la porta o finestra o punto di accesso e lui è sempre tornato. Anche in vacanza in roulotte, per dire. Sono molto più in gamba di noi umani :)

    RispondiElimina
  4. ... brindando a crocchette e latte!

    RispondiElimina
  5. che bella la tua bimba e chissà cosa pensa lo sposo della suocera!

    RispondiElimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.