giovedì 2 giugno 2011

Pagare pagare, Italia all'estero, tamarrate e altro

Buona Festa della Repubblica a tutti (ma si usa fare questo augurio? Boh: bisognerebbe chiedere a  Napolitano).
Continuo con la mia opera di redattrice. Mi adopero per voi e per il concorso.
Vi ricordo che oggi è l'ultimo giorno utile per comunicarmi la vostra partecipazione o farmi pervenire le vostre foto.
Siccome ho in programma una sortita extra-regionale con pupa e nonna vi chiedo anticipatamente solo un po' di pazienza per estrazioni e premiazioni. Ma questo è un discorso che faremo più in là.
Per ora il concorso è ancora aperto!
Dunque iniziamo.

Per l'incredibile concorso commemorativo dei 150 anni dell'Unità d'Italia indetto dal noto blog di attualità (ah ah ah!) Pisa & Love
oggi per voi:

Mariléne si è fomentata, e, oltre a farmi una gradita pubblicità su Facebook, mi ha inviato un'altra foto.
Questa:

Pagare, pagare, pagare...

E poi ancora questa, introducendola così: 
Il cordone ombelicale con la propria terra non si taglia mai...questa foto ne è un esempio. Ti assicuro che quando ho visto questo ristorante passeggiando in "little Italy" a New York è nato spontaneamente un sorriso sulle mie labbra.
Trionfo dell'Italianità

Dreamy Melrose mi chiede di pubblicare questa:


E la spiega così:
Io partecipo al contest con una foto idiota; ovvero: ho deciso di immortalare un po' di sana tamarraggine italiana, perchè certi italiani si sa..sono dei gran tamarri. E l'essenza di questo è racchiusa nei culetti abbronzati di quegli italiani palestrati o che si credono palestrati (uomini e donne) che d'estate amano mostrare le proprie grazie indossando costumini succinti e mostrandosi alla platea attraverso lunghe passeggiate avanti e indietro in riva al mare.
In foto: donna in topless e uomo in perizoma in Sardegna (XD auhahahauh!).
Ok, e ora, non potevo lasciarvi senza un "fuori concorso".

La crisi si fa sentire, e gli Italiani sono in piena emergenza casa: sfratti, espropri, affitti alle stelle, mutui insostenibili, case vuote, politiche abitative vergognose, stanno mettendo per strada tante famiglie.
Ma gli Italiani, si sa, non sono gente che non si sappia arrangiare, e non rinunciano facilmente ai piccoli piaceri della vita, neanche nella miseria più nera:

Il lusso dei poveri.
Devo ammettere che mi sto divertendo un casino con questa storia.
Continuate a partecipare!


4 commenti:

  1. uhauhahauhauhahhauhahauhah hai messo pure il mio commento ahhuauhahuuha risatissima XD

    RispondiElimina
  2. bhuhahaahha bellissime!!!

    RispondiElimina
  3. Suster, ci sono anch'io, partecipo sul blog! Ciao, vado a lasciare un commento con il link sul post del contest...

    RispondiElimina
  4. 6cuori: che bello! contentissima!

    RispondiElimina

Che tu sia un lettore assiduo o un passante occasionale del web, ricevere un commento mi fa sempre piacere, purché inerente e garbato.
Grazie a chi avrà la pazienza e la gentilezza di lasciarmi un segno del suo passaggio.